Trattamento del Trauma Psicologico

Le ferite dell’anima

 


Il termine trauma deriva dal greco “ferita, rottura” e si riferisce  a tutti quegli eventi che colpiscono la vita di un individuo creando un divario “tra un prima” dell’evento  e “ un dopo”.  L’essere umano è naturalmente attrezzato ad affrontare e superare momenti difficili di vita, infatti non tutti questi momenti sono vissuti come traumatici.  Secondo il DSM-5 si parla di trauma psicologico facendo riferimento a tutti quegli eventi che conducono alla morte o minacciano la propria o altrui ( di persone care) integrità fisica, e causano  nell’individuo sentimenti di impotenza, vulnerabilità e insicurezza.

Possiamo distinguere due tipologie di  trauma:

T maiuscola: catastrofi naturali, lutti improvvisi, incidenti, gravi lesioni, violenza sessuale, CHE MINACCIANO LA PROPRIA INTEGRITA’ FISICA.

t minuscola ossia i  traumi relazionali, che fanno riferimento a tutte le esperienze dolorose  vissute nella relazione con l’altro come: esperienza di trascuratezza, mancanza di rispetto e accudimento, violenza assistita, abuso emotivo e fisico. QUESTE ESPERIENZE  INFLUISCONO SUL SENSO DI VALORE DELL’INDIVIDUO, SULLA SUA SICUREZZA E AUTOSTIMA.

 Dopo un trauma la memoria dell’evento  resta congelata  nelle reti neuronali del cervello in modo non funzionale, l’informazione non viene elaborata e continua a provocare  disturbi e disagi come ansia e PTSD (disturbo post traumatico da stress).

Tra i sintomi che possiamo ritrovare abbiamo:

  • RICORDI ANGOSCIANTI E NON VOLONTARI DELL’EVENTO CHE ATTIVANO EMOZIONI NEGATIVE
  • SOGNI ANGOSCIANTI CON CONTENUTO O EMEOTIVITA’ COLLEGATA ALL’EVENTO
  • REAZIONI DISSOCIATIVECHE PORTANO L’INDIVIDUO A SENTIRE E COMPORTARSI COME SE STESSE RIVIVENDO L’EVENTO
  • REAZIONI EMOTIVE INTENSE ELICITATE DA STIMOLI CHE RICORDANO EVENTO
  • EVITAMENTO DI LUOGHI, SITUAZIONI, EVENTI CHE POSSANO RICORDARE EVENTO
  • ALTERAZIONI DELL’UMORE, DEI PENIERI E DELL’EMOTIVITA’ COME DEPRESSIONE, IRRITABILITA’, PENSIERI NEGATIVI SU DI SE’, SENSO DI COLPA E DI VERGOGNA, PAURA.

Il trattamento del trauma avviene sia attraverso la cura della parola, cioè la “narrazione dell’evento che permette di mettere la storia, incluso l’immaginario,  in parole “(J. Herman). Sia attraverso l’approccio con EMDR ( Eye  Movement Desensitization and Reprocessing) “ i movimenti oculari sono simili a quelli del sonno REM, quindi naturali, riattivano la capacità di autoguarigione del cervello che trova risorse  per metabolizzare l’evento traumatico. Dopo la terapia i pazienti ricordano il fatto, ma sentono che ormai fa parte del passato” (I. Fernandez).

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close